Ospiti camera #2
Ospiti camera #3
Ospiti camera #4
tripadvisor

Alassio, Riviera dei Fiori.
Alassio la città del famoso "Muretto", decorato dalle centinaia di ceramiche firmate da artisti famosi.
Alassio è una cittadina del ponente Ligure vivace, famosa per la sua bianca spiaggia ma anche per lo shopping.


Nel cuore del centro storico troviamo il "Budello",  il caruggio, antica arteria principale nel meioevo, via delle molteplici vetrine di boutiques, negozi e di attività commerciali. Attraversa tutto il centro della città per circa 2 km. Molti sono gli eventi che si susseguono durante tutto l'anno e molti i ristoranti ed i locali per qualsiasi tipo di serata.

La Gallery Richard West

Un innamorato di Alassio



La luce tersa del Mediterraneo che Richard West aveva cercato a lungo come motivo di ispirazione lo accoglie al suo arrivo alla stazione di Alassio alla fine di Giugno del 1885. Due anni prima il direttore della rivista Art Journal gli aveva chiesto di dipingere trenta vedute delle località più amate dal turismo anglosassone e West aveva percorso la Riviera da Hyères fino a Bordighera, ma non si era spinto oltre. Senza dubbio il ricordo della luminosità del cielo meridionale e dei magnifici paesaggi lo aveva invogliato alla breve vacanza estiva sulle baie del Mediterraneo. Non sappiamo perché scelse proprio Alassio, che era allora uno degli ultimi paesi lungo la costa ad essere stato scoperto dagli Inglesi; senza dubbio lo colpirono la bellezza della lunga spiaggia e la cornice verde delle colline, ma ci fu forse anche una ragione pratica: i prezzi contenuti erano alla portata delle tasche di un pittore che, pur conosciuto in patria, non aveva ancora raggiunto la grande fama e il successo economico. Richard West era nato a Dublino il 18 gennaio 1848. Dopo le scuole superiori frequenta il celebre Trinity College, quindi si reca in Inghilterra dove si iscrive all'Università di Cambridge: un percorso culturale di tutto rispetto che tuttavia non lo distoglie dalla sua passione di sempre, la pittura. L'insegnamento al quale si dedica lo porta prima a Gloucester, quindi ad Edimburgo, infine a Londra dove trova nella visita dei musei e nella frequentazione di circoli culturali i contatti necessari per progredire nella sua arte. Le indubbie capacità pittoriche gli aprono le porte delta celebre Royal Academy a Burlington House, l'istituzione che, sancendo il valore degli artisti inglesi, ne determina la notorietà. Il paese che West aveva scelto per trascorrere le sue vacanze estive era formato dal vecchio borgo marina-ro lungo la Via Aurelia compreso tra Borgo Coscia a levante e Borgo Barusso a ponente. Quelli erano stati per secoli i confini di Alassio ma, a partire dal 1875, quando i primi Inglesi erano arrivati, motto era cambiato. La ferrovia costruita nel 1872 delimitava il paese a nord e la collina che si ergeva alle spalle dell'abitato era diventata il luogo prediletto dai nuovi ospiti per costruire le loro ville, ma nonostante i cambiamenti il paese continuava a mantenere quelle caratteristiche di autentica vita popolare destinate a far innamorare un pittore sceso dalle brume del nord per cercare la limpida luce del Mediterraneo. Richard West tuttavia, a differenza dei suoi connazionali che amavano trascorrere l'inverno in Riviera e allontanarsene al primo caldo, aveva deciso di passarvi l'estate e in questo dimostrava una certa originalità di comportamento. Era un bravissimo nuotatore ed amava la vita all'aria aperta; forse per questo scelse come alloggio la pensione "Cà Gianca", che si trovava in mezzo agli orti, separata dalla riva del mare soltanto dalla Via Aurelia. Il luogo ideale per cogliere le sfumature del cielo e del mare durante tutte le ore del giorno. L' anno 1893 lo vide sposo della Signorina Gertrude Ellen Ragg, (figlia del pastore anglicano di Bordighera) e nel 1895 nacque l'adorata figlia Katherine (detta Key). Nel 1905 si recò per una breve visita a Fiesole dove mon improvvisamente il 23 febbraio per una polmonite fulminante, a 57 anni. La comunità inglese ad Alassio (molto numerosa a quell'epoca) fece costruire sul disegno dell'architetto londinese N.W. Caroe, la Memorial Gallery dove furono esposti i quadri di West. La Gallery venne chiusa nel 1935 in seguito alle difficoltà politiche di quegli anni, ed i quadri ftirono accatastati nel garage della Villa Banksia, casa della figlia Key, dove rimasero per parecchi anni. A guerra terminata, Key fece ritorno ad Alassio, dove ha vissuto fino al 1963. Quando prese la decisione di ritornare definitivamente in Inghilterra, , la figlia con un gesto che altamente onorava la memoria dell'amato genitore, generosamente faceva dono alla popolazione di Alassio di 77 opere pittoriche del padre, prese in custodia dalla Città di Alassio. Oggi le opere di West sono tornate nella loro sede originale in mostra permanente, delicate testimonianze di tempi perduti.

2011©All rights reserved | Note Legali | Residence VillaFirenze • via Dante 35 • alassio • tel. +39 0182 66111 fax +39 0182 6611.66 • villafirenze@alassio.it • P.I. 00445270093
Realizzato con © IDEA.web da Archimede© Terms & Conditions