Ospiti camera #2
Ospiti camera #3
Ospiti camera #4
tripadvisor

Sentirsi bene dal primissimo istante. La nostra ospitale atmosfera è a totale vantaggio soprattutto delle famiglie che possono gettarsi a capofitto nei nostri svariati programmi oppure rilassarsi con una semplice passeggiata verso il borgo marinaro di Laigueglia o godere della presenza del mare tutto l'anno camminando direttamente sulla "battigia".

Tante occasioni da vivere insieme ai vostri cari . Tanti modi per giocare e condividere momenti speciali con i vostri amici a 4zampe. Opportunità  semplici, facili, per esperienze uniche.

Un salto nella Storia

Museo dell'Olivo • Fratelli Carli

Il Museo dell’Olio si trova ad Imperia
a 23km da Alassio,
presso la Ditta Fratelli Carli
- vicinissimo alla stazione -.

La famiglia Carli
ha contribuito all’allestimento
di uno dei più “vivi” e veri musei,
dove capire ed apprezzare
uno dei prodotti principali della cucina mediterranea,
l’olio di oliva.

La visita ha inizio nel giardino che circonda il museo dove si trova un gigantesco frantoio spagnolo del ‘600,
unitamente ad un frantoio ligure dell’800, che spiccano tra gli ulivi.


Una volta entrati, le sale da visitare sono 18, dove viene riproposta la storia dell'olivo, dai Fenici, Greci, Romani, dalle prime colture, fino al Medio Evo ed ai giorni nostri, il viaggio dell'olio che fin dall’antichità veniva trasportato per terra e per mare, le maggiori “vie di comunicazione” dell’olio.

L’uso nella storia di olive, olio ed alberi e come si lavorano le olive, la conservazione e l'assaggio.


Per una visita approfondita del Museo
il sito ufficiale Museodellolivo
vi guida attraverso i percorsi tematici
da visitare e vi da tutte le informazioni utili.

Nel giardino, tra gli olivi, un frantoio
spagnolo del '600 e uno ligure dell'800,
18 sale a raccontarela storia dell'olivo,
dai Fenici ai giorni nostri.

Idrografico il Museo Navale ad Imperia
Sempre ad Imperia
fondato nel 1980,

Sestante


il museo navale con i suoi 700 mq e quattordici sale da visitare per gli appassionati del mare.

Esposti bussole, tra cui la bussola del veliero Narcissus, su cui fu imbarcato Joseph Conrad, cronometri, documenti, come diari di bordo, libretti di navigazione, documenti contabili, contratti dalla metà del Settecento in poi; quadri marinari, uniformi, libri e carte nautiche ottocentesche,
cimeli e documenti sulla navigazione velica del Capo Horn, e una ricchissima panoramica sui cantieri navali, attrezzi di lavoro e diorami.

Sparsi dovunque nelle sale,
modelli di navi mercantili e unità della Marina,
il modello del "Rex" dono del Sindaco di New York dopo la conquista del famoso "nastro azzurro", nonché antichi vascelli e imbarcazioni
di ogni tipo; tra questi, modelli di Léon Perret, famoso modellista tra il XIX e il XX secolo.

Il Museo Navale Romano
Ad Albenga nel Palazzo Peloso Cepolla,
edificio del '600, è sorta nel 1950, la sezione archeologica sottomarina,
dopo il ritrovamento di una nave oneraria degli inizi del I sec a.C., sui fondadell'isola Gallinara nella baia di Alassio
.
Il relitto della nave Romana, è il più famoso tra tutti quelli scoperti sino ad ora nel Mediterraneo occidentale.
Si trova ad un miglio dalla costa a 42 metri di profondità. E' stata oggetto di tredici campagne di scavo subacqueo
che hanno accertato che si tratta della più grande nave da trasporto romana conosciuta ad oggi nel Mediterraneo, con un carico superiore a 10.000 anfore e quindi con una portata netta di 450 tonnellate.

Nel Museo sono esposti i resti dello scafo, un gran numero di anfore vinarie, olearie, oggetti di uso personale dell'equipaggio e della forza armata di bordo.
Tutti gli elementi raccolti hanno consentito di datare il naufragio della nave Romana tra il 100 ed il 90 a.C.
2011©All rights reserved | Note Legali | Residence VillaFirenze • via Dante 35 • alassio • tel. +39 0182 66111 fax +39 0182 6611.66 • villafirenze@alassio.it • P.I. 00445270093
Realizzato con © IDEA.web da Archimede© Terms & Conditions